AGGIORNAMENTO DVR

RISCHI E SANZIONI IN CASO DI MANCATO AGGIORNAMENTO DEL DVR

Il DVR rappresenta una fotografia dell’azienda per quanto riguarda gli aspetti collegati alla sicurezza, deve quindi essere periodicamente aggiornato per rispondere in maniera tempestiva a tutti i cambiamenti aziendali e normativi ed essere davvero aderente alla nuova realtà aziendale.

L’inserimento di nuove attrezzature, di nuove procedure operative impattanti dal punto di vista della sicurezza, di nuove mansioni sono situazioni che rendono necessaria la revisione del Documento di Valutazione Rischi.

Ogni cambiamento significativo dal punto di vista della sicurezza deve infatti essere tracciato e correttamente segnalato tramite la rielaborazione del DVR.

In mancanza di tale revisione le ricadute e le sanzioni possono essere anche gravi sia da un punto di vista amministrativo, sia da un punto di vista penale.

Ricordiamo quindi di procedere alla rielaborazione della documentazione ogni qualvolta si dovesse verificare all’interno del luogo di lavoro una delle situazioni sopra indicate.

Per un ulteriore approfondimento sui rischi in cui si può incorrere in caso di mancato aggiornamento rimandiamo a questo interessante articolo di PUNTO SICURO.

Ricordiamo infine che fra i nostri servizi è attivo anche lo specifico abbonamento AL SICURO che garantisce ai nostri clienti, grazie alla presenza costante del nostro staff, un aggiornamento periodico della documentazione aziendale collegata alla sicurezza e un continuo adeguamento agli ultimi aggiornamenti normativi.

ASSISTENTE DI STUDI ODONTOIATRICO – OBBLIGO DI AGGIORNAMENTO

Il profilo dell’ASO è stato istituito con il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 9 febbraio 2018 denominato “Assistente di studio odontoiatrico (Aso)”
Nell’articolo 7 viene scritto: «..il corso di formazione ha una durata complessiva non inferiore a 700 ore, suddivise in 300 di teoria ed esercitazioni e 400 di tirocinio. Il corso di formazione ha una durata non superiore ai 12 mesi».
Questa prima formazione iniziale però va costantemente aggiornata: lo stesso decreto infatti prevede che le ASO frequentino degli eventi formativi di aggiornamento della durata di almeno 10 ore all’anno.
Se anche tu sei una ASO e devi completare il tuo aggiornamento annuale di seguito troverai il nostro calendario formativo.
Tutti i nostri corsi sono autorizzati dall’OMCEO della Provincia di Udine.

18 SETTEMBRE 2021

dalle 08.30 alle 13.30, Via Piave n.27 – Udine

ERGONOMIA E POSTURE LAVORATIVE NELL’AMBULATORIO ODONTOIATRICO (dott. DANIELE DEGANO – fisioterapista)

  • Le normative
  • La consapevolezza della corretta postura nello svolgimento dell’attività di ASO (durante le attività di assistenza alla poltrona, durante le attività amministrative in segreteria)
  • Le problematiche che possono insorgere da un’errata postura
  • Accorgimenti per il mantenimento del corretto posizionamento
  • Esercizi utili a prevenire o alleviare eventuali problematiche

LA GESTIONE DEL PICCOLO PAZIENTE (dott. SALVATORE CANGIANO – odontoiatra)

  • Modalità di relazione con il bambino e la sua famiglia dall’accoglienza al completamento della cura.
  • Come predisporre al meglio l’accoglienza per i piccoli pazienti, la relazione con i genitori o gli accompagnatori, la documentazione, la gestione delle criticità durante la terapia e le modalità comunicative.

 

24 SETTEMBRE 2021

dalle 08.30 alle 16.00 (con mezz’ora di pausa), Via Piave n.27 – Udine 

CORSO BLSD PER OPERATORI SANITARI (BLS Healthcare Provider – American Heart Association) (docenti LIZZI LAURA, IVAN LENDARO – Istruttori American Heart Association)

  • Concetti critici della RCP di alta qualità
  • La Catena della Sopravvivenza dell’AHA.
  • RCP e AED a 1 soccorritore per adulti, bambini e lattanti
  • RCP e AED a 2 soccorritori per adulti, bambini e lattanti
  • Differenze tra le tecniche di soccorso per adulti, bambini e lattanti
  • Tecniche con sistema pallone-maschera per adulti, bambini e lattanti
  • Ventilazioni di soccorso per adulti, bambini e lattanti
  • Risoluzione del soffocamento per adulti, bambini e lattanti
  • RCP con supporto avanzato delle vie aeree (introduzione alla frequenza e al rapporto delle compressioni e delle ventilazioni per un paziente con un supporto avanzato delle vie aeree).
  • Esame finale scritto e pratico
  • Debriefing

 

23 OTTOBRE 2021

dalle 08.30 alle 13.30, Via Piave n.27 – Udine

COME TENERE AL SICURO LO STUDIO ODONTOIATRICO (dott.ssa FABIENNE BELLINA– consulente aziendale e formatrice sicurezza, dott. IVAN LENDARO – odontoiatra, dott.ssa IRIS TION consulente aziendale)

  • Adempimenti amministrativi collegati alle revisioni obbligatorie di strumentazione e macchinari, revisioni documentali periodiche, aggiornamenti formativi obbligatori. Come districarsi al meglio nella selva delle scadenze per evitare dimenticanze o ritardi.

I PROTOCOLLI DI STERILIZZAZIONE (normative nazionali e regionali) (dott.ssa BELLINA FABIENNE consulente aziendale e formatrice sicurezza)

  • Errori da non commettere nelle attività quotidiane di sterilizzazione dello strumentario, pulizia e sanificazione degli spazi e delle attrezzature secondo le normative vigenti e le raccomandazioni del CAO

 

20 NOVEMBRE 2021

dalle 08.30 alle 13.30, Via Piave n.27 – Udine

CHIRURGIA E IMPLANTOLOGIA (dott. STEFANO CIGOLOT – odontoiatra)

  • Preparazione del campo operatorio e cenni sulla strumentazione.
  • Descrizione delle fasi operatorie in chirurgia orale e implantologia.
  • Gestione complicanze intraoperatorie e post operatorie.
  • Approccio al paziente e consigli pre e post operatori.

LA GESTIONE DELLE EMERGENZE NELLO STUDIO ODONTOIATRICO (dott. IVAN LENDARO – odontoiatra e istruttore American Heart Association)

  • Le principali emergenze che si possono verificare all’interno dello studio.
  • Cenni di Rianimazione Cardiopolmonare.
  • Cenni di Primo Soccorso.

SORVEGLIANZA SANITARIA ECCEZIONALE DEI LAVORATORI FRAGILI

A seguito dell’emergenza COVID anche la normale sorveglianza sanitaria ha subito variazione ed è stata individuata una nuova categoria di lavoratori: i LAVORATORI FRAGILI.

Per queste particolare categoria, più a rischio rispetto al contagio COVID per fattori di età, situazioni di immunodepressione, malattie croniche, patologie oncologiche o più co-morbilità, è prevista una sorveglianza sanitaria eccezionale.

Questa sorveglianza sanitaria aggiuntiva si realizza tramite una visita medica sui lavoratori che per i fattori sopra indicati ritengono di rientrare in tale condizione di fragilità e che prevede il successivo rilascio di idoneità o idoneità con limitazioni – se necessario – o non idoneità, se le condizioni del lavoratore, rispetto all’ambiente di lavoro, rendono incompatibile la prosecuzione della sua attività per il periodo di rischio collegato al COVID.

Per i datori di lavoro che non sono tenuti alla nomina di un medico competente, fermo restando la possibilità di nominarne uno per la durata dello stato di emergenza, la sorveglianza eccezionale può essere richiesta ai servizi territoriali dell’Inail che vi provvedono con i propri medici del lavoro.

Il datore di lavoro o un suo delegato possono inoltrare la richiesta di visita medica attraverso l’apposito servizio online “Sorveglianza sanitaria eccezionale”, reso di nuovo disponibile dal 5 novembre 2020.

Per maggiori approfondimenti vi invitiamo a leggere l’articolo di PUNTO SICURO in merito.

 

VUOI ESSERE SICURO DI AVER PREDISPOSTO CORRETTAMENTE TUTTE LE PROCEDURE PER LA GESTIONE DELL’EMERGENZA COVID 19?

scrivici a info@btlsrl.it per ricevere le informazioni che ti servono

 

DETERGENTI E DISINFETTANTI: differenze e uso corretto

In questo periodo l’attenzione sull’igiene e la disinfezione delle superfici e della cute è sempre molto alta e spesso purtroppo le soluzioni fai da te continuano a essere molto utilizzate.

Vogliamo quindi condividere un veloce riepilogo sull’importanza del lavaggio e disinfezione di mani e sulla pulizia delle superfici potenzialmente contaminate.

Partiamo segnalando la differenza fra DETERGENTI e DISINFETTANTI.

I detergenti si limitano alla pulizia delle superfici mentre solo i disinfettanti possono diminuire i batteri, virus ecc.

Read More

PRIVACY e COVID-19 NEI LUOGHI DI LAVORO

Il nuovo Protocollo per la regolamentazione delle misure relative al COVID-19 nei luoghi di lavoro sottoscritto da Governo e Parti Sociali il 24 aprile 2020 cerca di favorire la prosecuzione e la ripresa delle attività produttive garantendo ai lavoratori adeguati livelli di protezione.

Nel documento vengono fornite indicazioni finalizzate a incrementare l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare l’epidemia di COVID-19.

Alcuni articoli riguardano anche il trattamento dei dati personali, come ad esempio quelli relativi all’accesso in azienda di lavoratori, fornitori e visitatori.

Read More

SICUREZZA INFORMATICA IN TEMPI DI COVID-19

In tempi di COVID-19 l’attenzione si è giustamente spostata sulla salute sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro, con protocolli specifici e misure particolari di tutela e controllo.

Ma è utile ricordare che oltre alla sicurezza sanitaria è necessario monitorare anche la sicurezza informatica i cui rischi si sono moltiplicati in questo periodo di emergenza.

E proprio per proteggere da questo rischio è stata creata una rete di centri informatici che ha lo scopo di supportare e fornire spunti alle aziende dei vari paesi dell’Unione Europea su questi temi.

Read More

SMARTWORKING E AFFATICAMENTO VISIVO

In questo periodo molti di noi lavorano da casa cercando di ricreare nell’ambiente domestico le condizioni ideali per svolgere la propria attività, senza però riuscirci sempre!

Vogliamo quindi oggi analizzare l’affaticamento visivo legato alla non corretta illuminazione delle postazioni utilizzate durante le nostre attività in smartworking e darvi alcuni suggerimenti.

Gli occhi sono una parte del corpo fortemente sollecitata dal lavoro al videoterminale (VDT) che richiede in genere di mantenere a lungo lo sguardo sullo schermo. Il lavoro al VDT affatica gli occhi, causando una perdita nell’acutezza visiva, difficoltà nel mettere a fuoco o nel concentrare lo sguardo.

Read More
POSTURE DA SMARTWORKING

POSTURE DA SMARTWORKING

In questo periodo, alla luce dell’esplosione più o meno volontaria dello smartworking, molti di noi lavorano da casa, spesso in stanze o postazioni non sempre ideali. Vogliamo quindi analizzare le posture errate più frequenti e darvi alcuni suggerimenti.

Il progetto è stato sviluppato in collaborazione con Daniele Degano, fisioterapista con sedi a Tricesimo e Udine.

In questa nuova situazione di lavoro da casa, la tendenza più frequente è quella di utilizzare tutti gli spazi dell’ambiente domestico come fossero ambienti di lavoro, per ottimizzare i nostri tempi e riuscire a gestire più attività contemporaneamente.

Read More

PROTOCOLLO SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO

In questo periodo di incertezza e dubbi ci sembra utile approfondire e diffondere il Protocollo per la regolamentazione delle misure relative al COVID-19 nei luoghi di lavoro sottoscritto da Governo e Parti Sociali il 14 marzo 2020

Il Protocollo Sicurezza nei luoghi di lavoro vuole coniugare la prosecuzione delle attività produttive che non possono essere temporaneamente sospese o rese totalmente “smart” tramite il lavoro da casa, con la garanzia di condizioni di salubrità e sicurezza degli ambienti di lavoro e delle procedure operative, assicurando quindi ai lavoratori adeguati livelli di protezione.

Nel documento vengono fornite indicazioni finalizzate a incrementare l’efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare l’epidemia di COVID-19 che purtroppo oggi rappresenta un rischio biologico generico e presente in ogni settore e per il quale occorre quindi adottare misure uguali per tutta la popolazione.

Read More

LO STRESS LAVORO CORRELATO: COS’È?

Il luogo di lavoro è lo spazio in cui ognuno di noi trascorre circa metà della sua giornata: è quindi importante ricordare che – oltre alla sicurezza intesa dal punto di vista fisico – è fondamentale garantire ai propri lavoratori un ambiente che sostenga la motivazione e la soddisfazione professionale, utilizzando lo strumento della valutazione dello STRESS LAVORO CORRELATO.

Questo è infatti un mezzo utilissimo per misurare il grado di soddisfazione dei propri dipendenti, oltre a essere un vincolo di legge.

Il D.Lgs 81/08 aveva già anticipato questo obbligo rifacendosi all’ACCORDO EUROPEO SULLO STRESS SUL LAVORO (08/10/2004)

Successivamente la Commissione Consultiva Permanente – attraverso la circolare del 18 Novembre 2010 – sì è espressa in merito alle tempistiche da rispettare.

A partire dal gennaio 2011 è infatti diventato obbligatorio per le aziende effettuare la valutazione dello STRESS LAVORO CORRELATO.

Read More